Browsing Category Il Mio Blog

“Il pianto della Madonna” Jacopone da Todi

settembre 22nd, 2011 // 4:02 pm @

 

Il pianto della Madonna

Nunzio
Donna del paradiso,
lo tuo figliolo è priso,
Jesu Cristo beato.
Accurre, donna, e vide

che la gente l’allide!
credo che ‘llo s’occide,
tanto l’on flagellato.

Madonna
Como esser porrìa
che non fece mai follia,
Cristo, la speme mia,

om’ l’avesse pigliato ?

Nunzio
Madonna, egli è traduto,

Juda sì l’ha venduto
trenta denar n’ha ‘vuto,
fatto n’ha gran mercato.

Madonna
Succurri, Magdalena,

gionta m’è adosso piena!
Cristo figlio se mena,
como m’è annunziato.

Nunzio
Succurri, Donna, aiuta!

ch’al tuo figlio se sputa
e la gente lo muta,
hanlo dato a Pilato.

Madonna
O Pilato, non fare
lo figlio mio tormentare,

ch’io te posso mostrare
como a torto è accusato.

Popolo
Crucifige, crucifige!

Omo che se fa rege,
secondo nostra lege,

contradice al senato.

Madonna
Priego che m’entendàti,

nel mio dolor pensàti;
forsa mò ve mutati
de quel ch’avete pensato.

Nunzio
Tragon fuor li ladroni
che sian suoi compagnoni.
Popolo
De spine se coroni!

ché rege s’è chiamato.

Madonna
O figlio, figlio, figlio!

figlio, amoroso giglio,
figlio, chi dà consigli
o al cor mio angustiato?

Figlio, occhi giocondi,
figlio, co’ non respondi?

figlio, perché t’ascondi
dal petto o’ se’ lattato?

Nunzio
Madonna, ecco la cruce,

che la gente l’aduce,
ove la vera luce

dèi essere levato.

Madonna
O croce, que farai?

el figlio mio torrai?
e che ce aponerai
ché non ha en sé peccato ?

Nunzio
Succurri, piena de doglia,

ché ‘l tuo figliol se spoglia;
e la gente par che voglia
che sia en croce chiavato.

Madonna
Se glie tollete ‘l vestire,

lassàtelme vedire
come ‘l crudel ferire
tutto l’ha ‘nsanguinato.

Nunzio
Donna, la man gli è presa
e nella croce è stesa,

con un bollon gli è fesa,
tanto ci l’on ficcato!

L’altra mano se prende,
nella croce se stende,
e lo dolor s’accende,

che più è multiplicato.

Donna, li piè se prenno
e chiavèllanse al lenno,
onne iontura aprenno
tutto l’han desnodato.

Madonna
Ed io comencio el corrotto.

Figliolo, mio deporto,
figlio, chi me t’ha morto,
figlio mio delicato ?

Meglio averìen fatto

che ‘l cor m’avesser tratto,
che, nella croce tratto,
starce descilïato.

Cristo
Mamma, o’ sei venuta?
mortal me dài feruta,

ché ‘l tuo pianger me stuta,
ché ‘l veggio sì afferrato.

Madonna
Figlio, che m’agio anvito,

figlio, patre e marito,
figlio, chi t’ha ferito?

figlio, chi t’ha spogliato?

Cristo
Mamma, perché te lagni?
voglio che tu remagni,

che serve i miei compagni
ch’al mondo agio acquistato.

Madonna
Figlio, questo non dire,

voglio teco morire,
non me voglio partire,
fin che mò m’esce il fiato.

Ch’una agiam sepultura,

figlio de mamma scura,
trovarse en affrantura
mate e figlio affogato.

Cristo
Mamma col core affetto,
entro a le man te metto

de Joanne, mio eletto;
sia il tuo figlio appellato.

Cristo
Joanne, esta mia mate

tollela en caritate
aggine pietate

ca lo core ha forato.

Madonna
Figlio, l’alma t’è uscita,

figlio de la smarrita,
figlio de la sparita,
figlio attossicato!


Figlio bianco e vermiglio,
figlio senza simiglio
figlio a chi m’appiglio?
figlio, pur m’hai lassato.

Figlio bianco e biondo,
figlio, volto iocondo,
figlio, perché t’ha el mondo,
figlio, così sprezato?

Figlio, dolce e piacente,
figlio de la dolente,

figlio, hatte la gente
malamente treattato!

O Joanne, figlio novello,
morto è lo tuo fratello,
sentito aggio ‘l coltello

che fo profetizzato.

Che morto ha figlio e mate
de dura morte afferrate,
trovarse abracciate
mate e figlio a un cruciato.

Jacopone Da Todi

Category : Il Mio Blog &Poesia